CRITERI DI STABILIZZAZIONE, VARIE

AVVISO

L’Azienda Ospedaliera Universitaria  Policlinico “G. Martino” di Messina:

ha indetto avviso pubblico per la stabilizzazione del personale non dirigenziale da assumere a tempo indeterminato tramite la procedura prevista dall’art. 1, comma 565 della legge n. 296/06 e nel rispetto del Protocollo d’intesa tra l’Assessorato Regionale per la Sanità e le OO.SS. del Comparto Università.

1. AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO “G. MARTINO” DI MESSINA – BANDO PER LA STABILIZZAZIONE CON

FAC – SIMILE DI DOMANDA (PER APRIRE CLICCA)

2. AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO “G. MARTINO” DI MESSINA – REGOLAMENTO PER LA

STABILIZZAZIONE – (PER APRIRE CLICCA)

3. AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO “G. MARTINO” DI MESSINA – FAC – SIMILE DI DOMANDA

PER LA STABILIZZAZIONE (PER APRIRE CLICCA)

 4) Linee guida Protocollo Stabilizzazione Precari Azienda Ospedaliera Universitaria “G. Martino” di Messina

POTETE ANCHE SCARICARE IL MODELLO DELLA DOMANDA DI STABILIZZAZIONE DEL POLICLIICO DI MESSINA NEL BLOG “STABILIZZANDI POLICLINICO”: http://stabilizzandipoliclinico.blogspot.com/

 N.B.

Non verranno prese in esame le domande pervenute prima della pubblicazione del presente avviso. Per estratto l’avviso sarà pubblicato sui tre quotidiani a diffusione regionale “La Gazzetta del Sud”, “La Sicilia” di Catania e “Il Giornale di Sicilia” di Palermo.

Messina il, 5 settembre 2008

Gazzetta del Sud del 12/09/2008 Avviso selezione pubblica per la stabilizzazione del personale non dirigenziale con

rapporto di lavoro a tempo determinato, ai sensi dell’art. 1 comma 565 l. 296/2006 Scadenza 13/10/2008 (per visionare

l’avviso clicca)  

Messina il, 12 settembre 2008 ore 11,00

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-..-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

La Giunta regionale della Puglia STABILIZZERA’ TUITI I PRECARI della Sanità in servizio nelle ASL o negli enti Regionali con i seguenti criteri:
– anzianità di servizio di almeno tre anni anche non continuativi o in  alternativa:
anzianità di servizio di almeno tre anni da conseguire nell’arco del quadriennio 2007-2010 o in    alternativa:
– anzianità di servizio di almeno tre anni anche non continuativa conseguita nel quinquennio    anteriore alla data di  adozione del presente provvedimento.

Nella Regione Sicilia, grazie ai Sindacati e Politici, funzione tutto diversamente.

Che tutte le forze Politiche e Sindacali si facciano carico seriamente del problema e diano concrete risposte alle Sacrosante e Legittime richieste di decine di migliaia di lavoratori precari di ogni qualifica della Sanità Siciliana.

Di porre fine alla POLITICA delle esternalizzazioni dei servizi pubblici e che alla luce dell’analisi dei costi e benefici fatte da grandi ECONOMISTI ha fatto emergere un notevole aggravio di spesa, ma anche spartizione di posti di lavoro. 

http://puglia.rdbcub.it/fileadmin/archivio/puglia/servizi/DELIBERA_firmata_01.pdf, Linee guida approvate dalla Regione Puglia che stabilizzerà TUTTI I PRECARI della Sanità nel quadriennio 2007 – 2010 (CLICCA)

 ———————————————————————————————————————————————-

 

LEGGE FINANZIARIA 2008
(Legge 24 Dicembre 2007, n. 244) 

Art. 3. 

Disposizioni in materia di: Pubblico impiego;

Comma – 79. L’articolo 36 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è sostituito dal seguente:
«Art. 36. – (Utilizzo di contratti di lavoro flessibile). – 1
.Le pubbliche amministrazioni assumono esclusivamente con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato e non possono avvalersi delle forme contrattuali di lavoro flessibile previste dal codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell’impresa se non per esigenze stagionali o per periodi non superiori a tre mesi, fatte salve le sostituzioni per maternità relativamente alle autonomie territoriali. Il provvedimento di assunzione deve contenere l’indicazione del nominativo della persona da sostituire.

2. In nessun caso è ammesso il rinnovo del contratto o l’utilizzo del medesimo lavoratore con altra tipologia contrattuale.

3. Le amministrazioni fanno fronte ad esigenze temporanee ed eccezionali attraverso l’assegnazione temporanea di personale di altre amministrazioni per un periodo non superiore a sei mesi, non rinnovabile.

4. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 non possono essere derogate dalla contrattazione collettiva.

5. Le amministrazioni pubbliche trasmettono alla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento della funzione pubblica e al Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato le convenzioni concernenti l’utilizzo dei lavoratori socialmente utili.

6. In ogni caso, la violazione di disposizioni imperative riguardanti l’assunzione o l’impiego di lavoratori, da parte delle pubbliche amministrazioni, non può comportare la costituzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato con le medesime pubbliche amministrazioni, ferma restando ogni responsabilità e sanzione. Il lavoratore interessato ha diritto al risarcimento del danno derivante dalla prestazione di lavoro in violazione di disposizioni imperative. Le amministrazioni hanno l’obbligo di recuperare le somme pagate a tale titolo nei confronti dei dirigenti responsabili, qualora la violazione sia dovuta a dolo o colpa grave. Le amministrazioni pubbliche che operano in violazione delle disposizioni di cui al presente articolo non possono effettuare assunzioni ad alcun titolo per il triennio successivo alla suddetta violazione.

7. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano agli uffici di cui all’articolo 14, comma 2, del presente decreto, nonché agli uffici di cui all’articolo 90 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Sono altresì esclusi i contratti relativi agli incarichi dirigenziali ed alla preposizione ad organi di direzione, consultivi e di controllo delle amministrazioni pubbliche, ivi inclusi gli organismi operanti per le finalità di cui all’articolo 1 della legge 17 maggio 1999, n. 144.

8. Per l’attuazione di programmi e progetti di tutela e valorizzazione delle aree marine protette di cui alle leggi 31 dicembre 1982, n. 979, e 6 dicembre 1991, n. 394, il parco nazionale dell’arcipelago della Maddalena, di cui alla legge 4 gennaio 1994, n. 10, e gli enti cui è delegata la gestione ai sensi dell’articolo 2, comma 37, della legge 9 dicembre 1998, n. 426, e successive modificazioni, sono autorizzati, in deroga ad ogni diversa disposizione, ad assumere personale con contratto di lavoro a tempo determinato, della durata massima di due anni eventualmente rinnovabili, nel contingente complessivo stabilito con disposizione legislativa e ripartito tra gli enti interessati con decreto del Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. In prima applicazione, il predetto contingente è fissato in centocinquanta unità di personale non dirigenziale alla cui copertura si provvede prioritariamente con trasformazione del rapporto di lavoro degli operatori attualmente utilizzati con contratti di lavoro flessibile.

9. Gli enti locali non sottoposti al patto di stabilità interno e che comunque abbiano una dotazione organica non superiore alle quindici unità possono avvalersi di forme contrattuali di lavoro flessibile, oltre che per le finalità di cui al comma 1, per la sostituzione di lavoratori assenti e per i quali sussiste il diritto alla conservazione del posto, sempreché nel contratto di lavoro a termine sia indicato il nome del lavoratore sostituito e la causa della sua sostituzione.

10. Gli enti del Servizio sanitario nazionale, in relazione al personale medico, con esclusivo riferimento alle figure infungibili, al personale infermieristico ed al personale di supporto alle attività infermieristiche, possono avvalersi di forme contrattuali di lavoro flessibile, oltre che per le finalità di cui al comma 1, per la sostituzione di lavoratori assenti o cessati dal servizio limitatamente ai casi in cui ricorrano urgenti e indifferibili esigenze correlate alla erogazione dei livelli essenziali di assistenza, compatibilmente con i vincoli previsti in materia di contenimento della spesa di personale dall’articolo 1, comma 565, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.

11. Le pubbliche amministrazioni possono avvalersi di contratti di lavoro flessibile per lo svolgimento di programmi o attività i cui oneri sono finanziati con fondi dell’Unione europea e del Fondo per le aree sottoutilizzate. Le università e gli enti di ricerca possono avvalersi di contratti di lavoro flessibile per lo svolgimento di progetti di ricerca e di innovazione tecnologica i cui oneri non risultino a carico dei bilanci di funzionamento degli enti o del Fondo di finanziamento degli enti o del Fondo di finanziamento ordinario delle università. Gli enti del Servizio sanitario nazionale possono avvalersi di contratti di lavoro flessibile per lo svolgimento di progetti di ricerca finanziati con le modalità indicate nell’articolo 1, comma 565, lettera b), secondo periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. L’utilizzazione dei lavoratori, con i quali si sono stipulati i contratti di cui al presente comma, per fini diversi determina responsabilità amministrativa del dirigente e del responsabile del progetto. La violazione delle presenti disposizioni è causa di nullità del provvedimento».

—————————————————————————————————————— 

 “COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”

LA GIUSTIZIA CONTINUA A TRIONFARE

Situazione dei precari Ausiliari Socio Sanitari Specializzati dell’A.O.U. “G. Martino” Policlinico di Messina

In data 9 giugno 2008 è stata depositata la seconda sentenza dal Giudice del lavoro di Messina,  RIGETTANDO il ricorso presentato dagli Ausiliari Socio Sanitari che erano in servizio fino al 31 dicembre 2007 iscritti con la CGIL DI MESSINA .

DECIDENDO: che la delibera di scorrimento della graduatoria E’ LEGITTIMO e che il CONTRATTO DI LAVORO DI 12 mesi stipulato in data 31 dicembre è valido a tutti gli effetti di legge.

 In allegato comunicato  inviatoci dall’avv. Mario Mancuso sull’esito della nuova causa di lavoro.

mercoledì 11 giugno 2008

Precari Policlinico Messina, altra vittoria con l’avv. Mancuso

Ancora una volta i precari del Policlinico Universitario di Messina difesi dall’avv. Mario Mancuso hanno avuto successo.
Anche il secondo contenzioso che vedeva contrapposti i lavoratori che chiedevano la proroga del contratto scaduto il 31.12.2007 e quelli che sono stati assunti l’1.1.2008, a seguito dello scorrimento della graduatoria, si è concluso con la vittoria di questi ultimi.
Il Tribunale di Messina Sez. lavoro, con ordinanza depositata il 9 giugno 2008, ha risolto la controversia ancora una volta a favore dei dipendenti difesi dall’avv. Mancuso.

Avvocato Mario Mancuso

sito internet: www.avvocatomancuso.net

Studio Legale Avvocato Mario Mancuso – Messina

L’avvocato Mario Mancuso, patrocinante in Cassazione, ha la sede principale a Messina in via Francesco Todaro n. 5 Tel. +39-090.6783098 Fax. +39-090-6411338 Cell. +39-339.2090617 email: avvocato.mancuso@gmail.com

Cordiali Saluti                                                 Messina, 11 giugno 2008

“COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”

Per visitare il nostro blog: precariinvisibilimessina.myblog.it

——————————————————————————————————————————–

“COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”

 Situazione dei precari Ausiliari Socio Sanitari Specializzati dell’A.O.U. “G. Martino” Policlinico di Messina

In data 19 maggio 2008 è stata depositata la sentenza dal Giudice del lavoro di Messina dott. Letterio Villari, RIGETTANDO il ricorso presentato dagli Ausiliari Socio Sanitari che erano in servizio fino al 31 dicembre 2007 iscritti con la CGIL DI MESSINA .

DECIDENDO: che la delibera di scorrimento della graduatoria E’ LEGITTIMA e che il CONTRATTO DI LAVORO DI 12 mesi stipulato in data 31 dicembre è valido a tutti gli effetti di legge.

Possiamo evidenziare che è pienamente legittimo il provvedimento n. 882 del  28.12.2007 con cui il Policlinico Universitario di Messina ha deliberato lo scorrimento della graduatoria del concorso al quale abbiamo partecipato sia gli Ausiliari neo assunti sia gli Ausiliari che chiedono la proroga dei contratti scaduti, per i seguenti motivi:

I soggetti in cui i contratti sono scaduti il 31.12.2007 avevano stipulato un contratto di lavoro a tempo determinato per il periodo di un anno ed erano consapevoli che alla scadenza dell’anno sarebbe cessato il rapporto di lavoro.  Essi, peraltro, nell’estate 2007, sono stati beneficiati di una proroga del rapporto di lavoro illegittimamente, tuttavia, non soddisfatti auspicavano ad una seconda proroga, a danno di tutti gli altri lavoratori, parimenti legittimati a stipulare un contratto di lavoro.

Il bando di concorso (al quale abbiamo partecipato sia i lavoratori neo assunti sia coloro che aspiravano alla proroga dei contratti), prevedeva espressamente che il rapporto di lavoro avrebbe avuto una durata non superiore all’anno. Peraltro, tale durata è stata stabilita anche da una delibera del Direttore Generale del Policlinico Universitario.

il decreto legislativo 368(2001, all’art. 4, al comma 3 stabilisce che “la proroga è ammessa solo una volta”. Pertanto, una seconda proroga dei contratti già in essere sarebbe stata doppiamente illegittima, sia perché non ricorrono i presupposti (come la prima volta) sia perché la legge, anche qualora in astratto fossero presenti i motivi, vieta una seconda proroga.

Alla delibera n. 882 del 28.12.2007, emanata dal Commissario Straordinario del Policlinico non si può applicare la legge 244/2007, (finanziaria per il 2008), perché quest’ultima è entrata in vigore l’1.1.2008, ossia successivamente all’adozione della delibera.

Ad ogni modo, la finanziaria per il 2008 non prevede l’impossibilità di procedere alla stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato con gli Ausiliari Socio Sanitari superiore ai 3 mesi.

Da quanto sopra esposto deriva che lo scorrimento della graduatoria decisa dal Commissario Straordinario dott. Antonio Mira del Policlinico Universitario di Messina con deliberazione n. 882 del 28.12.2007 è pienamente legittimo.

Anche noi abbiamo il diritto all’assunzione e non si comprende perché alcuni soggetti, che dovrebbero fare l’interesse di tutti, vogliano considerarci LAVORATORI INVISIBILI E DI SERIE B.

Cordiali Saluti                                                 Messina, 21 maggio 2008

“COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”

 

 

“COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”

LA GIUSTIZIA TRIONFA

In data odierna è stata depositata la sentenza del Giudice del lavoro di Messina del ricorso presentato dagli Ausiliari Socio Sanitari che erano in servizio fino al 31 dicembre 2007 iscritti con la CGIL DI MESSINA , il Giudice del lavoro di Messina ha stabilito che la delibera di scorrimento della graduatoria E’ LEGITTIMA, che il contratto di lavoro di 12 mesi stipulato in data 31 dicembre è valido a tutti gli effetti di legge. PERTANTO LA CGIL DI MESSINA HA PERSO QUESTO RICORSO CONTRO DEI LAVORATORI.  
LA GIUSTIZIA TRIONFA.

Cordiali Saluti           Messina, 19 maggio 2008

“COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B

Il SINDACATO NON DOVREBBE TUTELARE TUTTI I LAVORATORI??

Pubblicato su http://www.fainotizia.it/user/precari-invisibili-messina (CLICCA)

precari invisibili messina

09/05/2008 – 10:11

“COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”

Situazione dei precari Ausiliari Socio Sanitari Specializzati dell’A.O.U. “G. Martino” Policlinico di Messina

I nostri colleghi Ausiliari Socio Sanitari che hanno terminato il proprio contratto di lavoro a tempo determinato il 31 dicembre 2007 presso l’A.O.U. Policlinico di Messina (tramite il SINDACATO C.G.I.L. DI MESSINA) hanno presentato ricorso, presso il Giudice del Lavoro, in data 14 gennaio 2008 con provvedimento cautelare ex art. 700, chiedendo l’annullamento della delibera n. 882 del 28 dicembre 2007 di scorrimento della graduatoria e il relativo nostro licenziamento, o modificare il contratto di lavoro portandolo da 12 mesi a 3 mesi;

in data 18 aprile 2008 si è discusso presso il Giudice del lavoro di Messina del ricorso presentato dagli Ausiliari Socio Sanitari che erano in servizio fino al 31 dicembre 2007 supportati della presenza del Segretario della FP CGIL DI MESSINA Franco Di Renzo, in cui il legale del Sindacato avv. Vitarelli chiedeva al Giudice il nostro immediato licenziamento perché al suo dire la nuova finanziaria prevede che i contratti di lavoro non debbono essere superiori ai tre mesi.

Noi abbiamo iniziato a lavorare presso le Aziende Sanitarie già dal 1991 e siamo precari storici a tutti gli effetti.

Il SINDACATO NON DOVREBBE TUTELARE TUTTI I LAVORATORI??

Aspettiamo da un giorno all’altro l’esito della sentenza del Giudice del Lavoro di Messina, da quella data siamo di nuovo disoccupati????? la CGIL di Messina vincerà questo ricorso contro dei lavoratori??????

Cordiali Saluti Messina, 9 maggio 2008

“COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”

Per visitare il nostro blog: precariinvisibilimessina.myblog.it

 

CRITERI DI STABILIZZAZIONE, VARIEultima modifica: 2008-05-09T16:29:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

22 pensieri su “CRITERI DI STABILIZZAZIONE, VARIE

  1. scrivere qui è difficile se uno non offende e non dice cose non vere perche si deve registrare!!!! chiedo? comunque se liberate il blog forse potremo scrivere qualcosa che potrebbe interessarvi poi fate come volete una buona serata a tutti

  2. SE RIESCO A SPIEGARMI,VORREI FAR CAPIRE UNA COSA INTERESSANTE.
    LA MASSA SALARIALE ,PER CORRISPONDERE GLI STIPENDI IN CASO DI STABILIZZAZIONE. è LA STESSA CHE VIENE CORRISPOSTA PER GLI ATTUALI PRECARI . QUINDI NON VEDO DOVE STA. L’IMPEDIMENTO!!SI è VERO IL POLICLINICO. VERSA IN CATTIVE ACQUE MA NON INFLUENZA LA STABILIZZAZIONE!
    POI SE C’è INTERESSAMENTO DA PARTE VOSTRA. POTREMO RIAPRIRE, LA DISCUSSIONE UNA BUONA GIORNATA.

  3. D O M A N I 25 APRILE IL PARTITO DEI COMUNISTI ITALIANI INVITA TUTTI A PIAZZA MUNICIPIO ALLE ORE 10 PER CANTARE BELLA CIAO TUTTI I PRECARI SONO INVITATI AD INTERVENIRE ALLE ORE 10 A MESSINA PIAZZA MUNICIPIO .CIAO A TUTTI SEBASTIANO PULEO SU GOOGLE. NON MANCARE

  4. CARNEVALE PERCHE’ NON INSERISCI I COMMENTI CHE A TUO PARERE SONO CRITICI MENTRE GLI INSULTI DEI DISOCCUPATI NEI CONFRONTI DI CHI LA PENSA DIVERSAMENTE ED E’ PIU’ REALISTICO LI MANDI ANCHE SE BLASFEMI.HANNO RAGIONE I PRECARI INVISIBILI CHE METTETE IN RETE TUTTO QUELLO CHE VI CONVIENE.IL BLOG DELLA STABILIZZAZIONE DOVREBBE ESSERE UN SITO PER TUTTI I PRECARI INVECE LO SI USA IMPROPRIAMENTE PER MENTIRE ED INSULTARE.DITE PIUTTOSTO CHE PECORARO HA DETTO AI SINDACATI CHE QUEST’ANNO NON CI SARA’ STABILIZZAZIONE AL POLICLINICO INVECE DI NASCONDERE LA VERITA’.DOVRESTE VERGOGNARVI AD AGIRE COSI’.MI ERO FATTO UN’OPINIONE SBAGLIATA SU QUESTO BLOG.OSCURAMI PURE CARO STABILIZZAZIONE TANTO I PRECARI SAPRANNO UGUALMENTE PERCHE’ COPIA DEL PRESENTE COMMENTO SARA’ INVIATO AL BLOG DEGLI “INVISIBILI” COSI’ SAPRANNO TUTTI LE VERITA’ NASCOSTE.
    STEMAN.

  5. CARNEVALE PERCHE’ NON INSERISCI I COMMENTI CHE A TUO PARERE SONO CRITICI MENTRE GLI INSULTI DEI DISOCCUPATI NEI CONFRONTI DI CHI LA PENSA DIVERSAMENTE ED E’ PIU’ REALISTICO LI MANDI ANCHE SE BLASFEMI.HANNO RAGIONE I PRECARI INVISIBILI CHE METTETE IN RETE TUTTO QUELLO CHE VI CONVIENE.IL BLOG DELLA STABILIZZAZIONE DOVREBBE ESSERE UN SITO PER TUTTI I PRECARI INVECE LO SI USA IMPROPRIAMENTE PER MENTIRE ED INSULTARE.DITE PIUTTOSTO CHE PECORARO HA DETTO AI SINDACATI CHE QUEST’ANNO NON CI SARA’ STABILIZZAZIONE AL POLICLINICO INVECE DI NASCONDERE LA VERITA’.DOVRESTE VERGOGNARVI AD AGIRE COSI’.MI ERO FATTO UN’OPINIONE SBAGLIATA SU QUESTO BLOG.OSCURAMI PURE CARO STABILIZZAZIONE TANTO I PRECARI SAPRANNO UGUALMENTE PERCHE’ COPIA DEL PRESENTE COMMENTO SARA’ INVIATO AL BLOG DEGLI “INVISIBILI” COSI’ SAPRANNO TUTTI LE VERITA’ NASCOSTE.
    STEMAN.

  6. LE VERITA’ NASCOSTE SONO PRATICAMENTE QUELLE DETTE DA ZU VITU NEL BLOG DELLA STABILIZZAZIONE E CHE PUNTUALMENTE CRITICATO E PER GIUNTA INSULTATO DA CHI NON INTERESSA AFFATTO LA VERITA’,TANTO ORMAI IL PRESIDIO NON E’ PIU’ TALE PERCHE’ SI PUO’ DEFINIRE IL CLUB DEI DISPERATI PREMIATI CON LE GITE OFFERTE DAL SINDACATO MA CON I SOLDI CHE ABBIAMO PAGATO TUTTI NOI A GENNAIO PER LA CAUSA (PERSA) AL GIUDICE DEL LAVORO.DA TEMPO VADO DICENDO CHE LA STABILIZZAZIONE E’ UN’UTOPIA AL POLICLINICO PER IL GRANDE DEFICIT DELL’AZIENDA ED IL PIANO DI RIENTRO ECONOMICO CHE STA ATTUANDO PECORARO CON TAGLI DRASTICI AL PERSONALE E LA SOPPRESSIONE DEL IV TURNO FIGURIAMOCI SE ASSUME PERSONALE DI RUOLO.QUINDI CARO CARNEVALE NON METTERE IN RISALTO SOLO LE CAZZATE CHE SPARA IL GLADIATORE CHE ALTRO NON E’ CHE IL MARITO DI UNA DISOCCUPATA E CHE NON AVENDO ALTRO DA FARE INSULTA TUTTI E TUTTO PERCHE’ GLI COMINCIA A MANCARE IL TERRENO SOTTO I PIEDI DATO CHE DIPENDE TOTALMENTE DAL LAVORO DELLA MOGLIE LUI SI CHE VULE PRENDERE IL FUOCO CON LE MANI DI QUEI DISOCCUPATI CHE SONO STATI LICENZIATI PER QUEI COLLEGHI CHE NON AVEVANO I REQUISITI MA CHE VOLEVANO A TUTTI I COSTI IL RINNOVO DEL CONTRATTO PER RAGGIUNGERLI.SIATE PIU’ COERENTI CON CHI A PERSO IL LAVORO PER “SOLIDARITA'”(SI FA PER DIRE NATURALMENTE) DELLA PRESUNZIONE E CONVINZIONE DI ESSERE DALLA PARTE DELLA LEGGE.SPIEGATE AI DISOCCUPATI ALLORA PERCHE’ E’ RIMASTO TUTTO COME IL 1° GENNAIO.SPIEGATE AI DISOCCUPATI LA CAUSA DEL 10 MAGGIO A CHE CAVOLO SERVE.NON ARRAMPICATEVI SUGLI SPECCHI E SIATE REALISTI INVECE DI CONTINUARE AD ILLUDERE LE PERSONE.
    N.B. QUESTO COMMENTO E’ RIVOLTO AL BLOG DELLA STABILIZZAZIONE MA PER MOTIVI DI OSCURAMENTO DELLA VERITA’ E’ STATO POSTATO NEL BLOG DEGLI INVISIBILI.
    A BEN RISENTIRCI.
    STEMAN

  7. LE VERITA’ NASCOSTE SONO PRATICAMENTE QUELLE DETTE DA ZU VITU NEL BLOG DELLA STABILIZZAZIONE E CHE PUNTUALMENTE CRITICATO E PER GIUNTA INSULTATO DA CHI NON INTERESSA AFFATTO LA VERITA’,TANTO ORMAI IL PRESIDIO NON E’ PIU’ TALE PERCHE’ SI PUO’ DEFINIRE IL CLUB DEI DISPERATI PREMIATI CON LE GITE OFFERTE DAL SINDACATO MA CON I SOLDI CHE ABBIAMO PAGATO TUTTI NOI A GENNAIO PER LA CAUSA (PERSA) AL GIUDICE DEL LAVORO.DA TEMPO VADO DICENDO CHE LA STABILIZZAZIONE E’ UN’UTOPIA AL POLICLINICO PER IL GRANDE DEFICIT DELL’AZIENDA ED IL PIANO DI RIENTRO ECONOMICO CHE STA ATTUANDO PECORARO CON TAGLI DRASTICI AL PERSONALE E LA SOPPRESSIONE DEL IV TURNO FIGURIAMOCI SE ASSUME PERSONALE DI RUOLO.QUINDI CARO CARNEVALE NON METTERE IN RISALTO SOLO LE CAZZATE CHE SPARA IL GLADIATORE CHE ALTRO NON E’ CHE IL MARITO DI UNA DISOCCUPATA E CHE NON AVENDO ALTRO DA FARE INSULTA TUTTI E TUTTO PERCHE’ GLI COMINCIA A MANCARE IL TERRENO SOTTO I PIEDI DATO CHE DIPENDE TOTALMENTE DAL LAVORO DELLA MOGLIE LUI SI CHE VUOLE PRENDERE IL FUOCO CON LE MANI DI QUEI DISOCCUPATI CHE SONO STATI LICENZIATI PER QUEI COLLEGHI CHE NON AVEVANO I REQUISITI MA CHE VOLEVANO A TUTTI I COSTI IL RINNOVO DEL CONTRATTO PER RAGGIUNGERLI.SIATE PIU’ COERENTI CON CHI A PERSO IL LAVORO PER “SOLIDARITA'”(SI FA PER DIRE NATURALMENTE) DELLA PRESUNZIONE E CONVINZIONE DI ESSERE DALLA PARTE DELLA LEGGE.SPIEGATE AI DISOCCUPATI ALLORA PERCHE’ E’ RIMASTO TUTTO COME IL 1° GENNAIO.SPIEGATE AI DISOCCUPATI LA CAUSA DEL 10 MAGGIO A CHE CAVOLO SERVE.NON ARRAMPICATEVI SUGLI SPECCHI E SIATE REALISTI INVECE DI CONTINUARE AD ILLUDERE LE PERSONE.
    N.B. QUESTO COMMENTO E’ RIVOLTO AL BLOG DELLA STABILIZZAZIONE MA PER MOTIVI DI OSCURAMENTO DELLA VERITA’ E’ STATO POSTATO NEL BLOG DEGLI INVISIBILI.
    A BEN RISENTIRCI.
    STEMAN

  8. VOLEVO FARE I COMPLIMENTI A CARNEVALE DEL BLOG DELLA STABILIZZAZIONE,COMPLIMENTI!,COMPLIMENTI E ANCORA COMPLIMENTI PER LO SPAZIO CHE DAI ALLA GENTE FRUSTATA.
    NEL COMMENTO DEL 2 MAGGIO DELLE 12.08 AVEVI SOLENNEMENTE DICHIARATO DI NON PASSARE PIU’ GLI INSULTI CHE COLPISCONO LA SFERA PERSONALE MA COME AL SOLITO MANDI UNILATERALMENTE LO SFOGO DI UN FRUSTATO COME QUELLO DI OGGI DELLE 10.09 CHE PER INFAMIA SICURAMENTE SARA’ IL PORTABANDIERE.
    MI VERREBBE DI CHIEDERGLI A QUESTO C…..NE SE PER CASO ABBIA SAPUTO DI QUESTA NOBILE INFORMAZIONE DA SUA MOGLIE IN UNA SPONTANEA CONFESSIONE DATO CHE DICE NON FARE NIENTE CHE NIENTE SI SA.CONTINUA A DARE SPAZIO AI FRUSTATI CARO CARNEVALE ORMAI SIAMO ALLA FRUTTA.
    PER TUTTI GLI ALTRI DISOCCUPATI UOMINI E DONNE CHE PRESIDIANO MASSIMO RISPETTO!
    PER I FRUSTATI ED INUTILI MASSIMO DISPREZZO!
    A BEN RISENTIRCI come dico io.

  9. TI SBAGLI DI GROSSO CARO CARNEVALE.NON SONO MAI STATO CONTRO LA STABILIZZAZIONE E’ HO AVUTO MODO DI RIBADIRLO PIU’ VOLTE NEI VARI COMMENTI DEL TUO BLOG CHE E’ MOLTO DI PARTE COME HAI DIMOSTRATO FIN’ORA.SE C’E’ QUALCUNO CHE FA LA VITTIMA SEI TU CHE TI LAMENTI CHE SCRIVO IN UN ALTRO BLOG MA DOVRESTI DIRE ANCHE CHE IL COMMENTO/I CHE HAI VISTO NEL BLOG DEGLI INVISIBILI ALTRO NON SONO CHE LA FOTOCOPIA DEI COMMENTI CHE TU HAI RITENUTO OPPORTUNAMENTE OSCURARE MA CHE IO HO PROVVEDUTO A MANDARE UGUALMENTE NEL BLOG DEGLI INVISIBILI PROPRIO PER FAR CAPIRE CHE USI DUE PESI E DUE MISURE.NON FAR CAPIRE ALLA GENTE CAVOLI PER LAMPIONI.POTRESTI PRENDERE ESEMPIO DA LORO PER ESSERE PIU’ COERENTE QUANDO DICI DI NON MANDARE PIU’ COMMENTI CHE INSULTANO LA SFERA PERSONALE INVECE DI DARE SPAZIO AI FRUSTATI COME QUEL C….NE DEL COMMENTO DELLE 10.09,PERCHE’ NON HAI OSCURATO ANCHE QUELLO?MANDI SOLTANTO QUELLO CHE TI FA PIU’ COMODO?SE SEGUI DA SEMPRE (come sembra)IL BLOG DEGLI INVISIBILI AVRAI POTUTO CONSTATARE CHE IL SOTTOSCRITTO HA AVUTO CON LORO DIVERSITA’ DI VEDUTE PROPRIO IN FAVORE DELLA STABILIZZAZIONE MA CON TUTTO CIO’ LORO NON HANNO MAI OSCURATO I MIEI COMMENTI IN FAVORE DELLA STABILIZZAZIONE.
    QUESTA SI CHIAMA COERENZA CARNEVALE!QUINDI NON VENIRMI A DIRE CHE SONO CONTRARIO ALLA STABILIZZAZIONE PERCHE’ BESTEMMIERESTI.PER QUANTO RIGUARDA MIA MOGLIE COME DICI TU HA I REQUISITI MA NON PRESIDIA PIU’ DA QUANDO LA GCL NELLE VESTI DI UNA LORO DIRIGENTE ALL’ULTIMA MANIFESTAZIONE A PALERMO AD UNA DOMANDA BEN PRECISA SI E’ SENTITA RISPONDERE CHE NON HANNO LA BACCHETTA MAGICA!QUINDI E’ STATA UNA SUA SCELTA E NON COME DICE L’AMICA DEL COMMENTO DEL 2 MAGGIO DELLE 21.44,POI CI SI SCHIFA ANCHE A SENTIRE I MORMORII NEI CONFRONTI DI QUELLE COLLEGHE CHE NON PRESIDIANO.C’E’ TROPPO MARCIUME ORMAI.QUANDO AVRETE DELLE DELLE INIZIATIVE SERIE E DECENTI FATECELO SAPERE ALTRIMENTI NON CRITICATE

  10. Carissimo COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B, VI CHIEDO DI PUBBLICARMI QUESTO COMMENTO.

    Giusy di Taormina
    Caro Carnevale sicuramente continuerai a censurare anche questa lettera, che fine ha fatto la lettera inviata precedentemente? stranamente non sai niente.
    Di tutto quello che dici tu e i tuoi compari della cgil sulla stabilizzazione non c’è niente di vero, cercate di ottenere le cose solo con le menzogne. Le grande cavolate sulla stabilizzazione non corrispondono alla realtà, l’unica cosa certa è che le Aziende sono obbligate ad assumere a tempo indeterminato con concorsi aperti a tutti, ma tu e la cgil di Messina non siete d’accordo, NON E’ STRANO CHE UN SINDACATO E DOMENICO CARNEVALE SONO CONTRARI AD ASSUMERE GLI AUSILIARI SOCIO SANITARI A TEMPO INDETERMINATO IN TUTTE LE AZIENDE SANITARIE.???????????????
    CHIEDO A TUTTI DI LEGGERE ATTENTAMENTE LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA FUNZIONE PUBBLICA N. 5 DEL 18 APRILE 2008.
    Siete sempre uguali, “il lupo perde il pelo, ma non il vizio”.
    QUESTA VOLTA INVIO UNA COPIA DI QUEST0 COMMENTO AL COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B
    Taormina, 9 maggio 2008
    A presto Giusy

    Presa di posizione CGIL CISL UIL su Circolare Funzione Pubblica n.5/2008
    Lettera unitaria delle Segreterie Nazionali Confederali al Ministro per le Riforme e l’Innovazione nella Pubblica Amministrazione
    Roma, 29 aprile 2008
    Prof. Luigi Nicolais
    Ministro per le Riforme e l’Innovazione
    nella Pubblica Amministrazione
    Corso V. Emanuele II, 116
    00186 – ROMA
    Dobbiamo ancora una volta registrare l’ennesimo atto con il quale a fine legislatura il Ministro della Funzione Pubblica smentisce il contenuto delle leggi finanziarie del 2007 e del 2008, in materia di stabilizzazione del precariato con il rischio concreto di bloccare tutto il complesso lavoro che nelle Pubbliche Amministrazioni si sta compiendo proprio per “far scomparire“ il fenomeno del precariato, come recitava il Memorandum e il programma dello stesso Governo.
    Già la notevole produzione di pareri e circolari che ha caratterizzato l’ultimo mese di permanenza dell’attuale “management” di Palazzo Vidoni, ha nei fatti provveduto a rendere di difficile applicazione quanto previsto dalla legge contribuendo anche per questa via ad affossare il contenuto politico posto a base del Memorandum firmato dalle Organizzazioni sindacali e dalle parti pubbliche e in qualche caso smentendo pesantemente il contenuto delle leggi approvate dal Parlamento.
    L’ultima perla, in ordine di tempo, è la circolare n. 5, ancora sulla stabilizzazione del personale precario nelle pubbliche amministrazioni.
    Giocando sulla impossibilità di una azione coercitiva da parte del Governo centrale sulle amministrazioni che hanno autonomia decisionale e di bilancio, si sostiene, una volta di più, che la stabilizzazione “non è un obbligo ma un’aspettativa”. In tal modo tutti si sentono in obbligo di ridiscutere anche quanto già fatto e di fermare quanto ancora non fatto. Siamo in presenza di una sorta di “vendetta postuma” da parte di chi si sente sconfitto dalla legge stessa e dalla lotta contro la precarietà. Ma poiché su questi temi l’impegno affermato dal Governo era chiaro ed esplicito, è evidente che la responsabilità di questi atti ha paternità oscure.
    Chiediamo che il Ministro della Funzione Pubblica ritiri la circolare, invitando le amministrazioni a muoversi nel rispetto delle leggi finanziarie, continuando nella linea segnata dal Memorandum.
    In luogo di tanto negativo “attivismo” chiediamo che invece il Ministro dia corso ai decreti, costituenti veri atti dovuti, che gli demanda la finanziaria 2008, e la cui omissione rischia di infliggere un ulteriore colpo alle legittime attese di stabilizzazione dei lavoratori.
    Per parte nostra continueremo ad operare nella lotta alla precarietà e a richiedere alle amministrazioni di procedere alla stabilizzazione del precariato in forza delle norme di legge e di quelle che necessariamente dovranno seguire.
    Rimaniamo in attesa di atti immediati e attendiamo che il prossimo governo chiarisca i propri intendimenti rimettendo in discussione atti, quali quelli qui indicati, per continuare nella stabilizzazione del precariato.
    CGIL – M. Gentile
    CISL – G. Baratta
    UIL – P. Pirani
    i

  11. Giusy di Taormina
    Sotto commenti inviati al Blog GESTITO DAL SINDACATO : http://www.stabilizzazione.blogspot.com
    uno di loro è Domenico Carnevale R.S.U. del Policlinico di Messina, ex Cisl adesso della Cgil.
    Visto che tante volte non mi pubblicano i miei commenti, sicuramente scomodi.
    Taormina, 12 maggio 2008

    Giusy di Taormina
    Caro Carnevale ti rinvio di nuovo il commento, sicuramente sarà la terza volta di continuo che lo censuri, io come ha fatto Steman lo inviato pure al “COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B”, aspetto qualche giorno e poi di nuovo lo rinvio ai precari invisibili e anche alle sedi dei precari a livello nazionale.
    Taormina, 10 maggio 2008
    A presto Giusy

    Carissimo COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B, VI CHIEDO DI PUBBLICARMI QUESTO COMMENTO.

    Giusy di Taormina
    Caro Carnevale sicuramente continuerai a censurare anche questa lettera, che fine ha fatto la lettera inviata precedentemente? stranamente non sai niente.
    Di tutto quello che dici tu e i tuoi compari della cgil sulla stabilizzazione non c’è niente di vero, cercate di ottenere le cose solo con le menzogne. Le grande cavolate sulla stabilizzazione non corrispondono alla realtà, l’unica cosa certa è che le Aziende sono obbligate ad assumere a tempo indeterminato con concorsi aperti a tutti, ma tu e la cgil di Messina non siete d’accordo, NON E’ STRANO CHE UN SINDACATO E DOMENICO CARNEVALE SONO CONTRARI AD ASSUMERE GLI AUSILIARI SOCIO SANITARI A TEMPO INDETERMINATO IN TUTTE LE AZIENDE SANITARIE.???????????????
    CHIEDO A TUTTI DI LEGGERE ATTENTAMENTE LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA FUNZIONE PUBBLICA N. 5 DEL 18 APRILE 2008.
    Siete sempre uguali, “il lupo perde il pelo, ma non il vizio”.
    QUESTA VOLTA INVIO UNA COPIA DI QUEST0 COMMENTO AL COMITATO PRECARI INVISIBILI E DI SERIE B
    Taormina, 9 maggio 2008
    A presto Giusy

    Presa di posizione CGIL CISL UIL su Circolare Funzione Pubblica n.5/2008
    Lettera unitaria delle Segreterie Nazionali Confederali al Ministro per le Riforme e l’Innovazione nella Pubblica Amministrazione
    Roma, 29 aprile 2008
    Prof. Luigi Nicolais
    Ministro per le Riforme e l’Innovazione
    nella Pubblica Amministrazione
    Corso V. Emanuele II, 116
    00186 – ROMA
    Dobbiamo ancora una volta registrare l’ennesimo atto con il quale a fine legislatura il Ministro della Funzione Pubblica smentisce il contenuto delle leggi finanziarie del 2007 e del 2008, in materia di stabilizzazione del precariato con il rischio concreto di bloccare tutto il complesso lavoro che nelle Pubbliche Amministrazioni si sta compiendo proprio per “far scomparire“ il fenomeno del precariato, come recitava il Memorandum e il programma dello stesso Governo.
    Già la notevole produzione di pareri e circolari che ha caratterizzato l’ultimo mese di permanenza dell’attuale “management” di Palazzo Vidoni, ha nei fatti provveduto a rendere di difficile applicazione quanto previsto dalla legge contribuendo anche per questa via ad affossare il contenuto politico posto a base del Memorandum firmato dalle Organizzazioni sindacali e dalle parti pubbliche e in qualche caso smentendo pesantemente il contenuto delle leggi approvate dal Parlamento.
    L’ultima perla, in ordine di tempo, è la circolare n. 5, ancora sulla stabilizzazione del personale precario nelle pubbliche amministrazioni.
    Giocando sulla impossibilità di una azione coercitiva da parte del Governo centrale sulle amministrazioni che hanno autonomia decisionale e di bilancio, si sostiene, una volta di più, che la stabilizzazione “non è un obbligo ma un’aspettativa”. In tal modo tutti si sentono in obbligo di ridiscutere anche quanto già fatto e di fermare quanto ancora non fatto. Siamo in presenza di una sorta di “vendetta postuma” da parte di chi si sente sconfitto dalla legge stessa e dalla lotta contro la precarietà. Ma poiché su questi temi l’impegno affermato dal Governo era chiaro ed esplicito, è evidente che la responsabilità di questi atti ha paternità oscure.
    Chiediamo che il Ministro della Funzione Pubblica ritiri la circolare, invitando le amministrazioni a muoversi nel rispetto delle leggi finanziarie, continuando nella linea segnata dal Memorandum.
    In luogo di tanto negativo “attivismo” chiediamo che invece il Ministro dia corso ai decreti, costituenti veri atti dovuti, che gli demanda la finanziaria 2008, e la cui omissione rischia di infliggere un ulteriore colpo alle legittime attese di stabilizzazione dei lavoratori.
    Per parte nostra continueremo ad operare nella lotta alla precarietà e a richiedere alle amministrazioni di procedere alla stabilizzazione del precariato in forza delle norme di legge e di quelle che necessariamente dovranno seguire.
    Rimaniamo in attesa di atti immediati e attendiamo che il prossimo governo chiarisca i propri intendimenti rimettendo in discussione atti, quali quelli qui indicati, per continuare nella stabilizzazione del precariato.
    CGIL – M. Gentile
    CISL – G. Baratta
    UIL – P. Pirani

  12. Precari che rubano altri precari è davvero il colmo;anzi no il massimo è che funzionari senza scrupoli che conoscono veramente la legge, si si siano venduti per un “Piatto Di Pasta” Non per tentare di truffare lo stato ma per approfittarsi dei precari e per mettere i più poveri contro i più poveri ancora.
    Alla fine però, ha trionfato la giustizia, grazie a tante altre persone oneste ed un grazie in particolare và al dottor Muscarà ed alla dottoressa Campo che con il loro brillante lavoro e a rischio della loro vita hanno iniziato a ripristinare la legalità e la giustizia nel comune e nella provincia di Messina e continueranno a farlo con il nostro voto in occasione delle elezioni del 15 e 16 giugno 2008.Anche un solo voto in più può fare la differenza, ed il mio non mancherà sicuramente!

  13. Vi mando una notizia pubblicata dall’ANSA, il sito é: http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rub
    FINANZIARIA, NO NUOVE PROVINCE E STABILIZZAZIONE PRECARI
    ROMA – Stop all’istituzione delle nuove province già individuate da due leggi del 2004 e niente stabilizzazione per i precari della P.a. che si vedrebbero però riconosciuto il lavoro svolto in termini di ‘punteggio’ per partecipare a concorsi per assunzioni a tempo indeterminato: sono alcune delle ipotesi su cui si sta ragionando in queste ore in vista della messa a punto della Finanziaria 2009. La prossima settimana la manovra complessiva dovrebbe così prender forma dopo una scrematura di tutte le proposte arrivate in questi giorni sul tavolo del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Il percorso, più volte ribadito dal Governo, è quindi quello di presentare al consiglio dei ministri della settimana tra il 16 e il 22 giugno un pacchetto di misure che dovrebbero avere diversi ‘contenitori’: un decreto da approvare subito, uno che potrebbe arrivare a settembre, la Finanziaria vera e propria (che dovrebbe essere molto più asciutta), il Dpef che segnerà la strada per il prossimo triennio e infine alcune deleghe al Governo. Tra i vari provvedimenti arriverebbe anche la stretta fiscale sulle banche e sui profitti dei petrolieri come più volte ribadito dal ministro Tremonti. I numeri macro sono già noti: il premier, Silvio Berlusconi, parlava pochi giorni fa di un deficit per l’anno in corso al 2,5% mentre le leggi finanziarie da qui al 2011 dovrebbero avere un impatto annuo di circa 12 miliardi per complessivi 36 miliardi alla fine del periodo. Questo consentirebbe all’Italia di centrare il pareggio di bilancio nel 2011, cioé un anno prima di quanto richiesto da Bruxelles. Ecco in sintesi le ipotesi emerse oggi per la messa a punto della prossima Finanziaria:

    – STOP ALLE NUOVE PROVINCE: Stop alle nuove province. La norma non è generica ma riguarda l’istituzione delle province di Monza – Brianza, Fermo, Barletta – Andria – Trani prevista da alcune leggi del 2004. Il risparmio stimato sarebbe di poco meno di 30 milioni.

    – NO STABILIZZAZIONE PER PRECARI P.A.: Stop alla stabilizzazione dei precari nella pubblica amministrazione prevista dalle leggi finanziarie del 2007 e del 2008. Si consentirebbe comunque il riconoscimento del lavoro prestato nella pubblica amministrazione per i concorsi relativi all’assunzione a tempo indeterminato.

    – BOLLETTA MENO CARA PER P.A.: Le pubbliche amministrazioni dovranno acquistare energia elettrica e combustibile da riscaldamento attraverso le convenzioni stipulate dalla Consip. Con la sola eccezione dei comuni, se le amministrazioni non si adegueranno è previsto un taglio del 30% delle risorse utilizzate nell’anno in corso per l’approvvigionamento. Si stima che il risparmio sarebbe di circa il 20-25% della spesa annua.

    – SANZIONI E PREMI PER WEB IN P.A.: Se il dirigente della pubblica amministrazione ancora non usa il web per comunicare rischia una sanzione accanto alla quale si prevede però anche un premio per chi è più ‘digitalizzato’. Si prevede anche di accelerare la diffusione delle reti a banda larga anche attraverso l’offerta di servizi e contenuti destinati a cittadini ed imprese. Per far questo si punta a progetti realizzati in project financing.

    – MENO CONTROLLI PER AZIENDE CON CERTIFICATO: Se un’azienda é ‘certificata’, cioé si sottopone autonomamente al controllo di qualità, di bilancio e ambientale, avrà meno controlli. Con un certificato, tipo la certificazione ISO 14000, sarebbe possibile sostituire tutte le verifiche da parte delle pubbliche amministrazioni. Le imprese risparmierebbero così tempo e risorse mentre le amministrazioni potrebbero concentrare i controli su settori più a rischio.

  14. Vi mando un’altra notizia pubblicata dall’ansa.
    Stabilizzazione precari della pubblica amministrazione: sotto la scure di Brunetta
    Scritto da Nicola Atalmi
    mercoledì 11 giugno 2008
    In tutti gli enti locali, dalla regione fino ai comuni e nella sanità, è in atto una corsa contro il tempo per stabilizzare i lavoratori precari prima che il nuovo governo delle destre passi dalle minacce ai fatti nei confronti dei lavoratori del pubblico impiego.
    Grazie ad una battaglia nell’ultima finanziaria del governo prodi migliaia di giovani lavoratrici e lavoratori precari della pubblica amministrazione potevano essere stabilizzati.
    Ciò, oltre a rispondere ad una legittima richiesta di diritti e di certezza sul futuro per tanti giovani e non solo, è anche funzionale alle pubbliche amministrazioni come la regione veneto e tanti comuni o nel settore della sanità perché permette di non disperdere competenze e garantisce la continuità e la qualità dei servizi offerti ai cittadini.
    Molti sono già stati stabilizzati, ad esempio in regione grazie ad un emendamento delle opposizioni alla finanziaria regionale che recepiva le opportunità offerte in tal senso dalla finanziaria nazionale.

    Oggi in regione al prima commissione ha ricevuto le rappresentanza dei lavoratori del proprio stesso ente che sono in attesa di questo processo di stabilizzazione perché in tal senso si è raggiunto un accordo in relazione al piano occupazionale del 2008.
    E’ necessario sciogliere rapidamente i nodi interpretativi in riferimento alla delibera di Giunta che dovrebbe recidere l’accordo tra le parti sociali.
    I Comunisti Italiani che si sono battuti in sede di finanziaria nazionale e regionale per raggiungere tale scopo chiedono a tutte le parti il massimo della disponibilità per addivenire rapidamente ad una decisione chiara in materia.
    Serve un procedimento trasparente per la stabilizzazione dei lavoratori precari della regione che ne abbiano diritto ai sensi della legge, senza che corsie preferenziali per nessuno ma nemmeno senza discriminazioni tra precari.
    Serve che questa decisione sia rapida per non incappare nella mannaia del nuovo ministro della funzione pubblica Brunetta che nella sua crociata contro la pubblica amministrazione intende da subito impedire la stabilizzazione dei precari, bloccare il turn over e tagliare in questo settore dai 3 ai 4 miliardi di euro.
    Tagli che noi temiamo avranno pesantissime ricadute sul complesso dei servizi sociali ed alla persona preludendo ad un vero e proprio smantellamento del sistema dei diritti e delle garanzie che lo stato sociale offre ai cittadini ed in particolar a chi non può permettersi di comprarsi tali servizi nel mercato privato.
    ndo un’altra notizia pubblicata sempre dall’ansa.

  15. Adesso siamo tutti contenti, i precari di serie A e quelli di serie B che per un anno di lavoro ci siamo giocati il lavoro di una vita, continuiamo a votare: Muscarà,Carnevale, ecc…, loro intascheranno i soldi del loro mandato, avuto per merito nostro, noi faremo la fame con la soddisfazione di aver dato potere a chi ci ha tolto il pane…….

  16. La verità sulla stabilizzazione
    Di solito le leggi vengono fatte per rendere la vita più facile e se poco ci mancava che quei pochi venissero stabilizzati nonostante l’opposizione della stragrande maggioranza; se tutti fossimo stati daccordo potevano essere stabilizzati molti più ausiliari di quanti ce ne sono in graduatoria e con molta meno fatica e danni morali di voler rubare il posto agli altri.Si faceva un’unica grande graduatoria che comprendeva ausl ospedali e cliniche private e tutti avevano il loro posto.Tutto questo lo sapevano già quelli della cgil e company ma a loro interessava raccogliere soltanto il maggior numero di tessere e di voti nel più breve tempo possibile.Sono riusciti ad ottenere una proroga di 6 mesi ed hanno fatto risparmiare all’inps uno stipendio di 8 mesi ed in più se avessero preso lo stipendio dall’inps sotto forma di disoccupazione avrebbero avuto tutto il tempo di lavorare in nero.Non esiste una legge che favorisce solo pochi stabilizzati e gli altri li stabiliamo subito dopo.La legge della stabilizzazione avvia tutti i lavoratori della graduatoria contemporaneamente anche se a prescindere dal posto occupato in graduatoria.Quelli che ora sono primi in graduatoria lo devono grazie alla famosa legge sul carico familiare che poi è stata abolita perchè è stata giudicata sbagliata come tante altre leggi ora obsolete perchè favorivano ingiustamente una categoria di persone.

  17. Cara Sara,
    Viste le ultime notizie con i tagli occorsi alla sanità ed il polverone sollevato dal sig.Carnevale la stabilizzazione è molto più lontana di quanto non lo fosse prima.
    Però la graduatoria ha ricominciato a scorrere ed un anno al policlinico,un’altro all’ausl ed un’altro a spese dell’inps non và poi così male per gli ausiliari.Poteva andare peggio se dopo la proroga illegale si proseguiva con la stabilizzazione di pochi ausiliari e l’abolizione della graduatoria; sarebbe stata un’interminabile guerra e qualcuno ci avrebbe sicuramente rimesso le penne.I politici fanno parte della nostra società che non potrebbe funzionare senza.Carnevale ha regalato una meravigliosa un’illusione a pochi tesserati ed ha fatto risparmiare 6 mesi all’inps a spese di quei poveri disgraziati che hanno lavorato praticamente gratis per quel periodo ed in più hanno dovuto spendere soldi e tempo in manifestazioni ed in più hanno perso la faccia e perderanno ora pure il voto ma Carnevale sarà eletto alla faccia loro che avanno rinunciato a votare tanti altri amici e parenti.Anche il nostro candidato Muscarà vincerà le elezioni e quando ci sarà la prossima opportunità di stabilizzazione verranno compresi stavolta tutti gli ausiliari secondo la stessa graduatoria.Ma anche quando il sig.Muscarà non dovesse più aiutarci ha già fatto il lavoro più difficile e qualunque altro politico potrebbe aiutarci al suo posto.Se non era per lui avoglia ad avere la legge dalla nostra ed a pagare avvocati; nessuno ci avrebbe ascoltato il nostro posto era già stato venduto.

  18. Ciao Giuseppe sono Sara, ho letto quanto sopra e devo dedurre che lavori, perchè solo chi ha uno stipendio fisso può dire fesserie come quella dell’anno di qua e l’anno di là……..Ma lo sai cosa vuol dire non avere certezze per il futuro grazie a voi politici, sei un politico vero? Per quel che riguarda Muscarà e Carnevale l’uno vale l’altro, ognuno di loro tira l’acqua al suo mulino, e se per adesso in questo mulino ci siete voi e solo perchè a qualcuno faceva comodo, la lingua italiana è molto vasta e da possibilità,a chi ne è capace, di usare tante parole per incantare chi ha bisogno.

  19. Questo è un commento che ho inviato nel blog dei precari di serie “A”, che sicuramente non pubblicheranno, quindi lo in vio a voi, Grazie:
    “Cara” stabilizzazione il blog ti rappresenta in pieno, se hai perso chiediti dove hai sbagliato tu e non dove l’hanno fatto gli altri. Continuando ad usare un linguaggio scurrile ed insultando i precari, perchè approfitti della lora buona fede e della poca istruzione di alcuni. Da questi ultimi due video si evince quanto tu abbia problemi….. personalmente non mi offendo da chi è meno di me…..e limonata sicuramente gode di simpatia e ironia, ed è cosciente dei suoi limiti,cosa che a te manca, perchè sei solo egocentrico ecc…ecc… manderò questo messaggio anche al blog dei precari invisibili perchè so per esperienza che pubblichi solo ciò che ti fa comodo e soprattutto linguaggi che non hanno attinenza con questo blog e la serietà di persone che lo leggono……smettila di tarare il contatore…..

  20. Il caro Carnevale, filtrando i commenti, quindi pubblicando solo ciò che gli fa comodo, non fa altro che far credere cose diverse dalle realtà, facendo sempre leva sulla buona fede e sulla “bonaggine” dei presidianti, e li convince che lui è il Messia del Policlinico. Non ha mai pubblicato commenti costruttivi e interessanti, ma solo video non attinenti alle problematiche dei precari e corrispondenze con un linguaggio non idoneo a chi gestisce un blog di tale portata. Mi chiedo: Di Renzo dove sei? Perchè permatti tutto questo visto che i precari versano alla cgl di cui tu sei responsabile la quota sindacale, vuoi forse che i precari si cancellino per altre vie?

  21. Ciao Sara,
    Che il posto fisso sia l’ideale non è in discussione. Non sono propio un politico anzi direi che sono un precario anche se lavorando in nero guadagno molto di più che in ospedale che resta comunque il mio preferito. Quello del sig. Carnevale non è un blog ma semplicemente una pubblicazione personale che si avvale della collaborazione gratuita di diversi ingenui e di qualche fedelissimo che ha il suo tornaconto.

Lascia un commento